venerdì 9 dicembre 2011

Calcolatore per valutare la convenienza della cedolare secca

Con questa nuova utility è possibile calcolare la convenienza effettiva della cedolare secca, l'imposta sui redditi da locazione che sostituisce l'Irpef e la tassa di registro.
Con il calcolo automatico si possono effettuare rapidamente varie simulazioni, modificando di volta in volta i parametri principali (reddito e inflazione prevista) all’interno di scenari che riteniamo per noi più probabili in base alla situazione economica, sia personale che congiunturale.
Naturalmente i risultati saranno tanto più attendibili quanto minore è la variabilità dei parametri; ad esempio è avvantaggiato chi percepisce un reddito fisso mentre per un libero professionista il reddito è uno degli elementi che possono variare maggiormente nel tempo.
L'utility è accessibile nella IurisToolbar dal menu: <Utilità Giuridiche> ==> <Proprietà e Successioni> ed anche in <Utilità Varie> ==> <Fisco>.

Ma vediamo in sintesi la maschera dei parametri e come si usa il calcolatore.

Tipologia del contratto:
Selezionare la tipologia del contratto stipulato: libero o concordato.
I contratti concordati sono quelli stipulati sulla base di accordi presi con le associazioni di categoria dei proprietari e degli inquilini maggiormente rappresentative a livello nazionale.


Importo canone di locazione:
E' l'importo del canone di locazione stabilito nel contratto; per comodità potete indicare un importo mensile o annuale selezionando le apposite opzioni.

Rivalutazione Istat:
L’opzione va selezionata se il contratto in essere prevede la rivalutazione annuale; se l’opzione non è selezionata sono disattivati anche tutti gli altri campi correlati.
La percentuale prevista, valorizzata inizialmente con l'ultimo indice Istat disponibile, serve per fornire una stima sul mancato incasso della rivalutazione Istat; questo valore può essere impostato liberamente.
Per una valutazione più realistica è possibile indicare la percentuale di applicazione della rivalutazione che generalmente è pari al 75%.

Reddito annuo:
E' il reddito complessivo percepito nell'anno; per una valutazione più attendibile conviene fare riferimento all’ ultima dichiarazione dei redditi.
E' importante indicare se il reddito complessivo inserito nel campo comprende già il canone di locazione oppure no.

Totale oneri deducibili:
Questo campo è necessario per calcolare il reddito imponibile su cui calcolare l'Irpef e le addizionali comunali e regionali.
Il reddito imponibile si ottiene sottraendo dal reddito annuo le cosiddette 'deduzioni'; queste voci sono indicate nella dichiarazione dei redditi con le diciture 'Deduzione per abitazione principale' e 'Oneri deducibili'.
NOTA: se conoscete già il reddito imponibile indicatelo nel campo 'Reddito annuo' e lasciate vuoto il campo delle deduzioni.

Totale detrazioni e crediti d'imposta:
In questo campo potete inserire la somma delle detrazioni di imposta spettanti (ad esempio le detrazioni per carichi di famiglia e quelle da lavoro dipendente).

Addizionale comunale:
Inserite in questo campo l'importo totale dell'addizionale comunale riferita all'ultima dichiarazione dei redditi.
Se non conoscete questo valore cercate qui l'aliquota prevista nel vostro comune di residenza ed applicatela al reddito imponibile.

Addizionale regionale:
Inserite in questo campo l'importo totale dell'addizionale regionale come indicato nell'ultima dichiarazione dei redditi.
Se non conoscete questo valore cercate qui l'aliquota prevista nella vostra regione di residenza ed applicatela al reddito imponibile.


Esempi

Calcoliamo la convenienza della cedolare secca per un contratto di locazione con un canone di 800,00 euro mensili rivalutati annualmente al 75% con un tasso di inflazione presunto del 3%.
Nel primo esempio effettueremo il calcolo per un reddito di 13.000 euro (tralasciamo per semplicità le deduzioni, le addizionali locali e le detrazioni d’imposta), nel secondo esempio lo stesso calcolo si effettua per il medesimo canone di locazione ed un reddito di 45.000 euro.

Esempio n.1
Canone di Locazione: 9600 / anno.
Reddito imponibile: 13.000 Euro.























Legenda: 
·       Gli importi positivi di colore verde indicano un risparmio fiscale o un maggior ricavo per il locatore.
·       Gli importi negativi di colore rosso indicano invece un maggiore esborso fiscale o un minor introito per il locatore.

In questo esempio possiamo osservare che la convenienza fiscale sussiste per tutti gli anni ma, compensata con la perdita della rivalutazione, il risparmio effettivo vale solo per il primo anno (210 euro) ed in misura molto minore per il secondo (39 euro).
Nel medio periodo, considerano tutti gli anni, si avrà una perdita complessiva stimata in 181 euro circa, ovvero poco più di 45 euro all'anno.


Esempio n.2
Canone di Locazione: 9600 / anno.
Reddito imponibile: 45.000 Euro.























In questo caso il risparmio fiscale che si ottiene in ciascun anno compensa ampliamente la perdita della rivalutazione e quindi la cedolare secca è sempre conveniente.