lunedì 22 ottobre 2012

** Novità! ** Calcolo ragguaglio tra pena detentiva e pena pecuniaria

All'interno del menu "Utilità Giuridiche" --> "Altre utilità" è disponibile il link alla nuova applicazione sviluppata per chi si occupa di diritto penale.
L'applicazione si aggiunge alle due realizzate in precedenza (aumenti/riduzioni di pena e calcolo della prescrizione ante e post Cirielli) e consente di effettuare rapidamente le conversioni da pena pecuniaria a pena detentiva e viceversa, con alcuni calcoli supplementari.

La maschera dell'applicazione è suddivisa in due TAB.

Conversione da pena pecunairia in pena detentiva:


Nel campo Pena pecuniaria va inserito l'importo della multa o dell'ammenda prevista; il campo è obbligatorio ed i centesimi di euro non vengono considerati per il calcolo.
Il campo Pena congiunta è opzionale e va compilato solo se, constestualmente al calcolo, si desidera sommare la pena ragguagliata ad un ulteriore pena detentiva.
La pena risultante dalla conversione è espressa in anni, mesi e giorni, senza considerare frazioni del giorno.

Conversione da pena detentiva in pena pecuniaria

Nel campo Pena da convertire (obbligatorio) bisogna inserire la pena da convertire espressa in anni, mesi, giorni.
Il campo Pena già scontata è facoltativo e va compilato solo nel caso in cui si debba decurtare dalla pena precedente un'eventuale pena già scontata.
Il Valore giornaliero è modificabile e può essere utilizzato per impostare un valore diverso da quello previsto dal codice penale laddove previsto, o più semplicemente per fare delle simulazioni.

Se la voce non compare nel menu, aggiorna la toolbar oppure vai direttamente all'applicazione.


mercoledì 17 ottobre 2012

Nuovo servizio dell'Agenzia delle Entrate per la verifica della partita IVA

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione un servizio online che consente di verificare la correttezza della partita IVA a livello nazionale, visualizzando contestualmente alcune informazioni sul titolare.

Dopo aver inserito la partita IVA ed il codice di sicurezza antispam che compare al di sotto della maschera, se la partita IVA è correttamente registrata in anagrafe tributaria, viene visualizzato un messaggio di risposta con le seguenti informazioni:
  • lo stato della partita IVA: attiva, sospesa (in caso di affitto d'azienda), cessata
  • la denominazione o il cognome e nome del titolare
  • la data di inizio attività e le eventuali date di sospensione/cessazione
Esempio con la partita IVA dell'Agenzia delle Entrate.


Per quanto riguarda la toolbar, il link alla nuova utility è stato associato alla voce di menu preesistente (all'interno del menu "Utilità Varie" --> "Fisco") mentre per le partite IVA comunitarie è stata aggiunta un'apposita a voce:



Questo il link diretto.

lunedì 15 ottobre 2012

Nuove opzioni nell'applicazione 'parametri forensi'

Nelle due applicazioni per la simulazione del calcolo della liquidazione giudiziale dei compensi, basate sui parametri forensi, abbiamo previsto la possibilità di inserire nel prospetto finale gli accessori di legge.
Si tratta dell' IVA e della quota per la cassa di previdenza forense.

Come si può vedere nell'immagine seguente, le nuove opzioni si trovano immediatamente sopra il bottone che effettua l'elaborazione del prospetto.


All'apertura della maschera le opzioni IVA e CPA (acronimo per Cassa di Previdenza e Assistenza) sono disattivate ma è sufficiente cliccare sul bottone [Includi accessori] per attivarle e selezionarle contemporaneamente (v. immagine seguente):



Una volta abilitate è possibile agire sui singoli checkbox separatamente, ad esempio per togliere l'IVA nel caso di regime fiscale semplificato (contribuenti minimi).

NOTA: se avete già calcolato su questo sito una fattura o una notula in regime semplificato (con salvataggio dell'opzione) l'opzione IVA non verrà selezionata in automatico ma può essere impostata successivamente.

Ricordiamo che le applicazioni sono disponibili nella toolbar all'interno del menu "Utilità Giuridiche" --> "Parcellazione e Fatturazione".

Questi i link diretti delle due applicazioni:

- Parametri Civili
- Parametri Penali.

mercoledì 10 ottobre 2012

Notula versione 1.4: nuova funzione di riparametrazione a valore

Le applicazioni per il calcolo della notula civile, della notula penale ed i modelli predefiniti di notula (precetto e decreto ingiuntivo), accessibili dal menu "Utilità Giuridiche" --> "Parcellazione e Fatturazione", hanno una nuova funzionalità per la personalizzazione rapida della parcella.
Si tratta della riparametrazione a valore che consente di modificare automaticamente tutte le voci della notula non più in base ad una percentuale prestabilita, ma in base ad un determinato valore, facendo in modo che l'imponibile della notula risulti quello desiderato.
Può essere utile ad esempio per "rimodulare" un prospetto di notula adattandolo alle esigenze del cliente o per effettuare delle simulazioni di vario tipo.

La maschera di riparametrazione a valore compare dopo aver effettuato il primo calcolo e si presenta in questo modo:


Le prime due righe sono relative alle funzioni di parametrazione già disponibili nelle versioni precedenti, mentre la terza, evidenziata con un diverso colore, è relativa alla riparametrazione a valore.
L'importo desiderato viene inserito nel campo "Forza il totale a" e per default l'operazione ha effetto soltanto sugli onorari, a meno che non si metta la spunta sul campo adiacente, nel qual caso le variazioni saranno applicate anche ai diritti.
Nel caso di notula di soli diritti il campo è automaticamente selezionato.
Cliccando sul bottone [Applica] nella stessa riga, la riparametrazione viene calcolata automaticamente ed il risultato visualizzato nella stessa pagina.
Come per le altre funzioni di riparametrazione, l'operazione deve essere espressamente confermata perché diventi definitiva.

NOTA 1: per alcuni problemi di arrotondamento talvolta l'importo finale può discostarsi di alcuni centesimi rispetto a quello desiderato.
NOTA 2: nel caso della notula penale l'opzione "Modifica anche i diritti" non è disponibile.

Prova direttamente le applicazioni: